Motociclo: quale patente?

Capita spesso di ricevere clienti con numerose domande sulle patenti per la moto.

Quale patente? Quale moto? Bisogna ripetere l’esame teorico a quiz? E se voglio guidare uno scooter?

Facciamo intanto ordine sulle categorie.

 

CATEGORIE PATENTI

Patente A1

E’ possibile conseguirla a partire dai 16 anni, e consente di condurre motocicli con le seguenti caratteristiche:

  • cilindrata massima di 125 cm^3
  • potenza massima di 11 kW
  • rapporto massimo potenza/peso di 0,1 kW/kg

Se non si dispone di altre patenti, è necessario sostenere un esame di teoria ed uno di guida. Se si ha già la patente B1 per i quad, allora è sufficiente sostenere solo l’esame di guida. Se si è in possesso della patente B, la patente A1 è già compresa.

Patente A2
Si può conseguire a partire dai 18 anni, e consente di guidare moto con potenza massima di 35 kW e con rapporto massimo potenza/peso di 0,2 kW/kg.
Molto spesso i motocicli di questa categoria derivano da versioni più potenti, successivamente depotenziate. Ebbene in questo caso il motociclo depotenziato non deve sviluppare meno della metà della potenza che sviluppava in origine.

Se non si dispone di altre patenti, è necessario sostenere un esame di teoria ed uno di guida. Se si è già in possesso delle patenti A1, B1 o B, allora bisogna sostenere solo l’esame di guida.

Patente A
Consente di condurre qualsiasi motociclo ed è possibile conseguirla:

  1. dopo 2 anni di patente A2
  2. a partire dai 24 anni di età nel caso in cui non si è già in possesso della patente A2

Se si dispone già delle patenti A1, B1, A2 o B, è sufficiente sostenere solo l’esame di guida.

 

VEICOLI ADATTI PER L’ESAME DI GUIDA

Vediamo ora i requisiti dei veicoli con i quali è possibile sostenere l’esame di guida, per ogni categoria. Tali requisiti dovranno risultare a libretto.

  • patente A1: motociclo con cilindrata compresa tra 120 e 125 cm^3, in grado di superare la velocità di 90 km/h
  • patente A2: motociclo con cilindrata minima di 400 cm^3, ed una potenza compresa tra 25 e 35 kW
  • patente A: motociclo con cilindrata minima di 600 cm^3, ed una potenza superiore a 40 kW

CAMBIO AUTOMATICO O NO?

Per quanto riguarda l’utilizzo di scooter, non ci sono differenze sui valori che abbiamo elencato finora. L’unico vincolo riguarda l’esame di guida: se si sostiene l’esame con uno scooter, poi sulla patente conseguita risulterà la limitazione relativa alla guida di soli scooter. Perciò il nostro consiglio è naturalmente quello di affrontare l’esame con un veicolo a marce.

 

CONCLUSIONI

A proposito di consigli, appare evidente come la normativa sia francamente troppo frammentaria e confusa. Con delle evidenti contraddizioni. Perciò il consiglio rimane sempre quello di confrontarsi con chi è del mestiere, prima di avventurarsi nel mondo delle patenti. Il consiglio è valido anche e soprattutto in tempi come questi, dove su internet si trova tutto ed il contrario di tutto, e spesso si ottengono informazioni incomplete, senza avere un quadro generale della situazione.

Rinnovo patente: le novità

Viste le numerose richieste, riassumiamo qui le novità sulla procedura di rinnovo della patente, in vigore dal 9 Gennaio 2014.
Gli aspetti più interessanti sono due:

  • scompare il bollino cartaceo di rinnovo
  • la scadenza viene allineata con la data di nascita

Al posto del bollino, riceverai una patente nuova di zecca.  La patente sarà stampata ed inviata direttamente all’indirizzo di tua preferenza.
L’altra buona notizia è relativa alla scadenza: la nuova patente scadrà direttamente il giorno del tuo compleanno. Sarà così molto più semplice ricordare la data di scadenza.

Per quanto riguarda i tempi, il rinnovo richiederà massimo 30 minuti del tuo tempo e avrai subito un documento di convalida.  Entro 7 giorni lavorativi, riceverai la nuova patente tramite una spedizione assicurata dal costo di 6,86€.

Esame di teoria pat. AM

A partire da Novembre 2014, l’esame di teoria per la patente AM dovrebbe subire un piccolo cambiamento.

Attualmente il test consiste in 10 gruppi di domande.  Ciascun gruppo è composto da 3 quiz sullo stesso argomento, quindi l’esame consiste in un totale di 30 quesiti.
L’esame si svolge su supporto cartaceo.

Il nuovo esame sarà al computer, proprio come le patenti più “grandi”.
Il numero totale dei quiz rimarrà pari a 30 quesiti.  Le domande tuttavia non saranno più raggruppate di 3 in 3 sullo stesso argomento.
Ci attendiamo quindi un esame di 30 quiz su 30 differenti argomenti.
I testi delle domande saranno ritoccati senza stravolgerne il contenuto, ma solo per migliorarne la comprensione.
Il tempo a disposizione e il numero massimo di errori non subiranno variazioni.