Rinnovo patente SELFIE

Rendere la tua vita più facile, questo è il nostro scopo, la ragione stessa della nostra esistenza.
E se questo può essere pure divertente, allora siamo bravi davvero!

Scopri come funziona, clicca su questo link www.autoscuolanicolini.it/rinnovopatente

XXI Raduno Ducati – 2 e 3 Settembre 2017

In una stagione così incredibile per come sta andando il campionato motoGP, arriviamo carichissimi all’undicesimo appuntamento con il raduno Ducati.

Per festeggiare i meravigliosi sorpassi con i quali il Dovi ci ha deliziato negli ultimi 2 gran premi, siamo pronti a far tuonare le nostre moto in giro per le strade di Montefalco ed Assisi insieme ai bravi ragazzi di S. Egidio, e i loro numerosi Desmo-amici.

Oltre ai fiumi di birra del Village, alla immancabile Torta al Testo di S. Egidio (cotta sotto la cenere), e ai vari giri tuttinsieme per l’aperitivo, quest’anno c’è la novità dello Speed Simulator, dove si dà spazio anche al mondo delle competizioni su quattro ruote, ovvero Formula 1 e Rally.
Quando si tratta di manico, il numero di ruote non conta!

Per ulteriori info:

Sito ufficiale raduno
Pagina Facebook

Motociclo: quale patente?

Capita spesso di ricevere clienti con numerose domande sulle patenti per la moto.

Quale patente? Quale moto? Bisogna ripetere l’esame teorico a quiz? E se voglio guidare uno scooter?

Facciamo intanto ordine sulle categorie.

 

CATEGORIE PATENTI

Patente A1

E’ possibile conseguirla a partire dai 16 anni, e consente di condurre motocicli con le seguenti caratteristiche:

  • cilindrata massima di 125 cm^3
  • potenza massima di 11 kW
  • rapporto massimo potenza/peso di 0,1 kW/kg

Se non si dispone di altre patenti, è necessario sostenere un esame di teoria ed uno di guida. Se si ha già la patente B1 per i quad, allora è sufficiente sostenere solo l’esame di guida. Se si è in possesso della patente B, la patente A1 è già compresa.

Patente A2
Si può conseguire a partire dai 18 anni, e consente di guidare moto con potenza massima di 35 kW e con rapporto massimo potenza/peso di 0,2 kW/kg.
Molto spesso i motocicli di questa categoria derivano da versioni più potenti, successivamente depotenziate. Ebbene in questo caso il motociclo depotenziato non deve sviluppare meno della metà della potenza che sviluppava in origine.

Se non si dispone di altre patenti, è necessario sostenere un esame di teoria ed uno di guida. Se si è già in possesso delle patenti A1, B1 o B, allora bisogna sostenere solo l’esame di guida.

Patente A
Consente di condurre qualsiasi motociclo ed è possibile conseguirla:

  1. dopo 2 anni di patente A2
  2. a partire dai 24 anni di età nel caso in cui non si è già in possesso della patente A2

Se si dispone già delle patenti A1, B1, A2 o B, è sufficiente sostenere solo l’esame di guida.

 

VEICOLI ADATTI PER L’ESAME DI GUIDA

Vediamo ora i requisiti dei veicoli con i quali è possibile sostenere l’esame di guida, per ogni categoria. Tali requisiti dovranno risultare a libretto.

  • patente A1: motociclo con cilindrata compresa tra 120 e 125 cm^3, in grado di superare la velocità di 90 km/h
  • patente A2: motociclo con cilindrata minima di 400 cm^3, ed una potenza compresa tra 25 e 35 kW
  • patente A: motociclo con cilindrata minima di 600 cm^3, ed una potenza superiore a 40 kW

CAMBIO AUTOMATICO O NO?

Per quanto riguarda l’utilizzo di scooter, non ci sono differenze sui valori che abbiamo elencato finora. L’unico vincolo riguarda l’esame di guida: se si sostiene l’esame con uno scooter, poi sulla patente conseguita risulterà la limitazione relativa alla guida di soli scooter. Perciò il nostro consiglio è naturalmente quello di affrontare l’esame con un veicolo a marce.

 

CONCLUSIONI

A proposito di consigli, appare evidente come la normativa sia francamente troppo frammentaria e confusa. Con delle evidenti contraddizioni. Perciò il consiglio rimane sempre quello di confrontarsi con chi è del mestiere, prima di avventurarsi nel mondo delle patenti. Il consiglio è valido anche e soprattutto in tempi come questi, dove su internet si trova tutto ed il contrario di tutto, e spesso si ottengono informazioni incomplete, senza avere un quadro generale della situazione.